Spedizione gratuita per ordini oltre € 59,90 - INFO
Ragadi alle mani: quali sono i rimedi
  • 28/01/2019
  • Commenti: 0

Ragadi alle mani: quali sono i rimedi

Ti capita spesso, durante la stagione fredda, di avere piccoli fastidiosi taglietti sulle dita delle mani? Si tratta di ragadi.

Vuoi scoprire meglio cosa sono e come rimediare a questo disturbo? Leggi questo articolo!

Le ragadi sono delle vere e proprie lacerazioni, seppur piccole e spesso anche dolorose, che si diffondono in particolar modo in inverno, quando la pelle si secca maggiormente e “tira”, a causa delle temperature rigide.

Questo tipo di fessurazioni si forma nelle zone della cute più spessa e meno elastica, come le dita della mano o la pianta del piede, vale a dire le aree di pelle sottoposte a maggiore stress.

Generalmente, le ragadi si diffondono intorno alle unghie o tra le dita, ma possono arrivare perfino a interessare tutta la mano, creando oltre al fastidio, anche il rischio di contaminazione batterica.

Vediamo insieme allora come curare le ragadi:

1. Parola chiave: idratazione

Applicare regolarmente una crema mani e assicurarsi un apporto corretto di liquidi, bevendo almeno 2 litri di acqua ogni giorno. Questo eviterà che la pelle si secchi e si rompa.

Se le ragadi sono superficiali, occorre comunque tenere sempre la pelle ben idratata, con l’ausilio di creme emollienti e cicatrizzanti.

Particolarmente indicate quelle a base di urea, un ottimo idratante che migliora l’elasticità della cute, oppure quelle contenenti nitrato d’argento o antibiotico.

Questi prodotti vanno applicati con cura e massaggiati bene, in modo da favorire l’assorbimento delle sostanze nutrienti, al loro interno.


2. Utilizza i guanti

Nelle giornate fredde e umide, uscire indossando sempre i guanti.

Molto importante seguire questo accorgimento, anche nel caso in cui il disturbo si formi come conseguenza di una dermatite da contatto nello svolgere alcuni mestieri, come ad esempio la casalinga, la parrucchiera, la collaboratrice domestica.

In questi casi, è d’obbligo evitare il contatto con l’acqua (pura o addizionata con saponi o detersivi), proteggendosi con guanti di cotone a messi a contatto diretto con la pelle, ed un ulteriore paio, impermeabile, sopra.


3. Una protezione in più

Esistono in commercio anche dei cerotti o dei liquidi specifici per ragadi, che formano sopra i taglietti una “pellicola protettiva”. Questi rimedi hanno il duplice vantaggio di riparare la fessurazione dalle aggressioni esterne, favorire la cicatrizzazione e soprattutto evitare la riapertura della ferita.


Hai bisogno di ulteriori consigli su come curare le ragadi alle mani? Contattaci…lo staff della Farmacia del Sole è a tua disposizione!


28 Gen 2019Commenti: 0