Mialgie da Freddo
Mialgie da Freddo
  • 07/01/2022
  • Commenti: 0

Mialgie da Freddo

In questo periodo, freddo e umidità possono causare dolori muscolari e articolari, o accentuarne l'intensità. Questo succede perché, con l'abbassarsi delle temperature, le articolazioni possono irrigidirsi ed essere meno elastiche. Ecco perché in inverno possono manifestarsi con una certa facilità le mialgie, un termine medico che indica dolori articolari e muscolari.

In questo periodo, freddo e umidità possono causare dolori muscolari e articolari, o accentuarne l'intensità. Questo succede perché, con l'abbassarsi delle temperature, le articolazioni possono irrigidirsi ed essere meno elastiche. Ecco perché in inverno possono manifestarsi con una certa facilità le mialgie, un termine medico che indica dolori articolari e muscolari.

I sintomi che si manifestano sono crampi, spasmi, contratture, ma non solo: il muscolo irrigidito esercita una maggiore pressione e trazione sui tendini (tendinopatie) e sulle strutture articolari, cartilagini incluse, aumentando il rischio di infiammazione.

Il tutto è aggravato dal fatto che, spesso, con l’abbassamento delle temperature, non solo manteniamo la muscolatura rigida, ma assumiamo spesso una postura contratta per far fronte allo sbalzo termico tra un luogo riscaldato e la temperatura esterna. Questa postura non fa altro che sforzare ancora di più muscoli, tendini e ossa. Se il freddo, poi, diventa davvero rigido, molte volte capita di avere i brividi lungo il collo e la schiena, tanto da alzare le spalle e incassare la testa rimanendo così finchè la sensazione di gelo non passa. Questa posizione a lungo andare provoca danni e aumenta i dolori a livello cervicale e dell’intera colonna.

Come alleviare i dolori muscolari da freddo

Quando, dopo una giornata di freddo intenso, sentiamo dolori ai muscoli, crampi e articolazioni infiammate, ecco i rimedi nostra disposizione:

  • Cerotti e fasce autoriscaldanti che, posizionati sulla parte del corpo dolente, danno sollievo. Questi cerotti si basano sulla terapia del calore, già conosciuta nell’ antichità. Il calore induce vasodilatazione, con aumento di afflusso sanguigno. L’aumento della circolazione migliora l’apporto di ossigeno alle fasce muscolari contratte, con l’effetto di ridurne la rigidità. Inoltre la maggiore irrorazione dei tessuti fa sì che alla parte lesa arrivi un maggior apporto di nutrienti, e aiuta nella fase di eliminazione delle tossine prodotte dall’infiammazione. I cerotti e le fasce autoriscaldanti, adatte per esempio in caso di dolore lombare o cervicale, non contengono medicinali e perciò possono essere usati in maniera prolungata: sono efficaci e forniscono un calore terapeutico per ben 8 ore.
  • Massaggi con creme topiche lenitive a base di artiglio del diavolo, pianta conosciuta da sempre per dare sollievo ai dolori osteo-articolari. È un rimedio naturale per chi soffre di mal di schiena e dolori muscolari da freddo; l’azione dell’artiglio del diavolo, massaggiato sulla pelle, toglie la sensazione di rigidità muscolare.
  • Esercizi di rilassamento: per trarre benefici e decontrarre la muscolatura è indicato praticare yoga e pilates, in modo da riattivare la circolazione in tutte le parti del corpo e rilassare la muscolatura, specialmente di cervicale e schiena.

 Integratori alimentare a base di Curcuma, Boswellia, Collagene (tipo II), Acido Ialuronico e Vitamina C 

07 Gen 2022Commenti: 0