SPEDIZIONE 24/72h - Gratis per ordini oltre € 89,90 - INFO
Coronavirus
  • 07/02/2020
  • Commenti: 0

Coronavirus

I coronavirus appartengono ad una grande famiglia di virus conosciuti per il fatto che causano malattie che vanno dal comune raffreddore alla sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la sindrome respiratoria acuta grave (SARS).

Il coronavirus di cui si parla ultimamente (CoV) è un nuovo ceppo di coronavirus, identificato per la prima volta quest’anno.

Sintomi

I sintomi variano in base al virus, quelli più comuni includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie e, nei casi più acuti, polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte quando attaccano individui con difese immunitarie molto basse o se non vengono contrastati per tempo.

Trattamento

Essendo una malattia nuova, non esiste ancora un vaccino, per il quale diversi scienziati stanno lavorando a pieno regime, e non c’è neanche un trattamento specifico, se non quello basato sui sintomi del paziente, la cui terapia di supporto può essere comunque molto efficace.

Prevenzione

Le raccomandazioni per ridurre l'esposizione e la trasmissione sono le stesse di quelle relative a tutta la serie di malattie respiratorie:

  • cura dell'igiene delle mani (lavare spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche);
  • cura delle vie respiratorie starnutire o tossire in un fazzoletto, gettare i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l'uso;
  • evitare il contatto con chiunque mostri sintomi di malattie respiratorie come tosse e starnuti.

Per quanto riguarda il nuovo coronavirus identificato in Cina (2019-nCoV) si raccomanda di posticipare i viaggi non necessari in aree a rischio della Cina, consultabili sul sito dell’OMS.

Se è proprio necessario recarsi in Cina, nelle aree a rischio, si raccomanda di vaccinarsi contro l’influenza stagionale almeno due settimane prima del viaggio e, qualora una persona sviluppi sintomi respiratori mentre si trova in quelle zone, dovrebbe rivolgersi immediatamente a un medico.

Le aree infette e i rischi di propagazione

La Commissione Sanitaria Municipale di Wuhan (Cina) ha segnalato all'OMS un insieme di casi di polmonite nella città di Wuhan, nella provincia cinese di Hubei; il Centro per la Prevenzione e il Controllo delle malattie (CDC) cinese ha riferito che è stato identificato un nuovo coronavirus (2019-nCoV) come agente causale ed è stata resa pubblica la sequenza genomica.

Il rischio di propagazione è considerato alto a livello globale, medio-alto a livello europeo, anche se l’adozione di pratiche di prevenzione e controllo delle infezioni, fa sì che la probabilità che un caso di infezione in Europa generi casi secondari, sia bassa.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti è a tua totale disposizione.

07 Feb 2020Commenti: 0

Lascia un commento

L'indirizzo E-Mail non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati con *