Acne, non abbassare la guardia col caldo
  • 11/05/2018
  • Commenti: 0

Acne, non abbassare la guardia col caldo

L’acne è una delle infiammazioni cutanee più diffuse, ne soffre circa l’80% degli adolescenti e spesso si protrae anche nell’età adulta.
Questa condizione, dovuta a eccesso di sebo, squilibri ormonali e prolificazioni batteriche, può comportare gravi inestetismi che influenzano la qualità della vita delle persone, incidendo negativamente sulla quotidianità e sulle relazioni interpersonali. Curare e prevenire il peggioramento dell’acne, quindi, è molto importante per alleviare i disagi delle persone che ne sono affette. Comunemente si pensa che, durante il periodo estivo, l’acne risconti benefici grazie all’azione solare e, quindi, si possa sospenderne la cura durante questi mesi.
Questo è un errore!

Sebbene il sole aiuti a nascondere le imperfezioni cutanee, tra cui gli inestetismi dell’acne, le temperature alte, il sudore e gli elevati tassi d’umidità del periodo, possono peggiorare l’occlusione dei pori e, di conseguenza, la formazione di comedoni (punti neri), che sono l’habitat ideale dei germi per moltiplicarsi.
Ne deriva che, non si dovranno interrompere le cure, ma adattarle al periodo estivo.

Al tal fine bisogna necessariamente modificare le terapie intraprese nei mesi invernali, sospendendo i seguenti trattamenti che sono foto sensibilizzanti e potrebbero causare reazioni avverse o macchie della pelle:
• Antibiotici appartenenti al gruppo delle tetracicline
• Prodotti a base di benzoil-perossido
• Retinoidi
• Peeling chimici, laser

È, invece, necessario adottare strategie meno aggressive, che non significa meno efficaci:
1. Detergere la pelle almeno 3 volte al giorno, utilizzando prodotti antiacne delicati e riequilibranti, per impedire al sudore e al sebo in eccesso di accumularsi.
2. Fare uno scrub 1 o 2 volte la settimana, per levigare la pelle e rimuovere i punti neri.
3. Utilizzare protezioni solari “oil free”, specifiche per pelli grasse.
4. Fare spesso maschere purificanti all’argilla verde o al cetriolo.
5. Qualora fosse possibile, preferire le vacanze in spiaggia, in quanto si potranno riscontrare notevoli miglioramenti della condizione acneica, beneficiando dell’acqua di mare che tende ad “asciugare” la pelle e seccare i brufoli; Il tutto combinato all’azione dell’abbronzatura che maschera, seppur temporaneamente, i difetti cutanei.

Questi sono solo alcuni rimedi per prendersi cura dell’acne con il caldo.
Se hai domande, o bisogno di ulteriori informazioni sull’argomento, contattaci… lo staff della Farmacia del Sole è a tua disposizione!
Tags: acne , caldo
11 Mag 2018Commenti: 0

Lascia un commento

L'indirizzo E-Mail non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati con *