SPEDIZIONE 24/72h - Gratis per ordini oltre € 89,90 - INFO
Regole da rispettare, sulle chiusure e igiene per il coronavirus
  • 16/03/2020
  • Commenti: 0

Regole da rispettare, sulle chiusure e igiene per il coronavirus

In questi giorni si sta vivendo in Italia una situazione quasi surreale ma necessaria, di “semi-quarantena” se vogliamo, in quanto alcuni spostamenti sono ancora possibili, per tutti.

In questi giorni si sta vivendo in Italia una situazione quasi surreale ma necessaria, di “semi-quarantena” se vogliamo, in quanto alcuni spostamenti sono ancora possibili, per tutti.

Ma vediamo insieme alcune delle regole da rispettare, in base all’ultimo decreto governativo, per arginare la diffusione del virus, a causa del quale l’OMS ha dichiarato lo stato di Pandemia.

È di vitale importanza rispettare le regole dato che alcune persone si infettano ma non sviluppano alcun sintomo, pur restando dei vettori che possono contagiare altri individui. Altra ragione per farlo, è che il periodo di tempo che intercorre fra il contagio e lo sviluppo dei sintomi varia fra 2 e 11 giorni, fino ad un massimo di 14 giorni, pur essendo sempre capaci di infettare altri soggetti.

Le attività commerciali: chi chiude?

È stata imposta la chiusura a tutti i negozi tranne quelli per i beni di prima necessità, come farmacie e alimentari. Sono quindi sospese le attività come bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie e non solo dopo le 18, come scritto nel precedente decreto. 

Restano possibili le consegne a domicilio e rimangono aperti i locali nelle stazioni, negli aeroporti e nelle stazioni di servizio autostradali. Possono invece rimanere aperti negozi di alimentari, farmacie, parafarmacie.

Restano aperti anche tabacchi, lavanderie ed edicole, così come i servizi mensa e in generale tutti i negozi al dettaglio “di prima necessità”, come i ferramenta. 

Ovviamente va sempre e ovunque garantita la distanza di sicurezza di un metro tra le persone.

Le industrie, le fabbriche e la logistica possono continuare a svolgere le proprie attività produttive, pur se sempre assumendo protocolli di sicurezza adeguati a proteggere i propri lavoratori, così come i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi. 

Regole per l’individuo

Gli spostamenti sono vietati se non per comprovate necessità dal 10 marzo e fino al 3 aprile 2020. Questo non comporta un arresto dei servizi di trasporto pubblico, che rimane a disposizione di chi deve spostarsi per necessità (seppur con modifiche sostanziali agli orari e alle corse). 

Si può uscire di casa per andare a lavoro, per ragioni di salute o altre necessità comprovate da una autodichiarazione che potrà essere compilata anche al momento sui moduli in dotazione alle forze di Polizia. 

È possibile andare a fare la spesa: ricordiamo che i negozi saranno sempre riforniti, in quanto non c'è nessuna limitazione al transito delle merci, e che quindi non è indispensabile fare incetta di prodotti.

Non si può andare a mangiare a casa di parenti o amici, perché non è uno spostamento necessario, è possibile invece andare ad assistere i propri cari anziani non autosufficienti: indossate una mascherina o comunque cercate di proteggerli il più possibile dai contatti, dato che sono le persone più vulnerabili.

Il rispetto delle semplici norme igienico-sanitarie, che dovremmo seguire su base quotidiana, può prevenire la diffusione del virus, le elenchiamo di seguito: 

  • lavarsi spesso e a fondo le mani con acqua e sapone; 
  • dotarsi di soluzione disinfettante (tipo Amuchina); 
  • coprire la bocca ed il naso quando si tossisce o starnutisce; 
  • disfarsi dei fazzolettini di carta, non appena vengono usati; 
  • non scambiare gli oggetti o il cibo con altre persone; 
  • non toccarsi gli occhi, il naso o la bocca con le mani; 
  • arieggiare i luoghi comuni.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure hai bisogno di consigli, contattaci. Il nostro team di professionisti è a tua completa disposizione.


16 Mar 2020Commenti: 0

Lascia un commento

L'indirizzo E-Mail non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati con *